Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano

Grazie ad un accordo in esclusiva con De Agostini Editore, Planeta Junior prosegue nella strategia di valorizzazione dei patrimoni culturali italiani, gestendo i diritti di licensing della Veneranda Biblioteca Ambrosiana per Italia, Spagna, Portogallo, Francia, Grecia e Cipro.

Il vastissimo patrimonio della Biblioteca Ambrosiana comprende più di 35.000 manoscritti, 12.000 pergamene, 3.000 incunaboli, 30.000 disegni e incisioni, più di 950.000 volumi a stampa, oltre alle numerose legature medievali e alle raccolte numismatiche e archeologiche.

La Biblioteca Ambrosiana, per la vastità e il pregio delle opere, è una delle raccolte storiche più antiche e complete del mondo. Ubicata nel cuore di Milano, sulle fondamenta del Foro Romano, custodisce manoscritti, codici, incunaboli, libri e disegni d’inestimabile valore che permettono studi di carattere storico, letterario e religioso. Nata nel 1607 dalla visione del cardinale Federico Borromeo, illuminato mecenate e precursore dei tempi che voleva rendere Milano città d’incontro delle culture in un momento storico segnato da forti divisioni, l’Ambrosiana fu una delle prime biblioteche al mondo a essere aperta alla pubblica lettura (1609). Dal momento della sua fondazione, ha continuato a svolgere il ruolo che le era stato assegnato: non soltanto custodire manoscritti e libri rari, ma anche permetterne la fruizione, adempiendo la duplice funzione di conservare e promuovere il sapere.

Del patrimonio della Veneranda Biblioteca Ambrosiana, fa parte anche la Pinacoteca Ambrosiana, costituita da Federico Borromeo nel 1618, che doveva servire da sussidio e modello a una futura Accademia di Belle Arti per la formazione e l’educazione del gusto estetico: l’istituzione nacque, infatti, per assicurare una formazione culturale gratuita a chiunque avesse qualità artistiche o intellettuali.

Possiede oggi oltre 2000 opere fra dipinti, sculture e arredi, oreficerie, naturalia e oggetti diversi di arti applicate, oltre a più di 22.000 disegni e può vantare capolavori universali come la Canestra di frutta di Caravaggio, l’Adorazione dei Magi di Tiziano, la Madonna del Padiglione di Botticelli, il prezioso cartone della Scuola d’Atene di Raffaello.

Il “vessillo” dell’intera raccolta è senza dubbio il Musico, l’unico dipinto su tavola di Leonardo esistente a Milano. Interessante, dal punto di vista storico, è la produzione di copie da dipinti celebri, promossa per scopi didattici e documentativi, come ad esempio la copia dell’Ultima Cena di Leonardo dipinta dal Vespino, commissionata già nel 1609 dal Cardinal Federico per preservare il capolavoro leonardesco che già allora versava in condizioni precarie di conservazione.
Questo accordo consentirà la realizzazione di prodotti di elevato profilo qualitativo ed il ruolo strategico affidato al licensing amplificherà la notorieta’ e la visibilita’ delle opere, comunicando al pubblico i valori dei capolavori contenuti all’interno della Biblioteca.

Licenziante

Planeta Junior Italia S.r.l.

Planeta Junior nasce nel 2000 grazie ad una joint venture tra il Grupo Planeta e il Gruppo De Agostini, due tra i player più importanti nello sviluppo e nella realizzazione di contenuti media a ...
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Per conoscere in anteprima le novità del mondo del licensing e per rimanere aggiornato sulle iniziative internazionali di LIMA (The International Licensing Industry Merchandisers’ Association) iscriviti alla nostra newsletter.
Ho preso visione dell'Informativa sulla Privacy e dell'iscrizione alla newsletter