Digital Marketing Trend 2022

1.Retro revolution: alcuni esempi. Per celebrare il 50° anniversario di Grease, Pepsi ha riadattato You’re the One I Want, con il rapper e cantautore Doja Cat. Il marchio ha utilizzato questa campagna per lanciare due gusti in edizione limitata completi di lattine retrò e richiami ai negozi di bibite degli anni ’50 e ’60. Nel luglio 2021, NYX Cosmetics è diventato il primo marchio a utilizzare lo shopping in livestream di Triller per ospitare un evento a tema “ritorno al passato”. Lo spettacolo presentava pop star dei primi anni 2000, che hanno ricreato i loro look Y2K utilizzando la collezione NYX Cosmetics Autunno 2021.

2.Community content: Sempre più brand si stanno rendendo conto del valore dei contenuti generati dagli utenti e stanno adottando misure per ridimensionarli.

Secondo un rapporto di Morning Consult, la Generazione Z e i Millennial si fidano meno del marchio medio.

• Un sondaggio di Stackla ha rivelato che solo il 19% dei consumatori trova autentici i contenuti creati dal brand.

• Il 56% dei consumatori ha anche rivelato, attraverso il sondaggio Stackla, di essere più influenzati dai post sui social quando fanno acquisti online rispetto ai periodi prepandemici.

I consumatori di oggi cercano sempre più l’autenticità dai brand. 

3.Mixed reality: qui direi che vale quello che abbiamo scritto sull’AR e come gli ambienti virtuali esistono oggi online, ma stanno iniziando a fondersi con la nostra realtà fisica.

4.Influencer commerce: Secondo eMarketer, le vendite del social commerce negli Stati Uniti aumenteranno del 35,8% arrivando a 36,62 miliardi di dollari nel 2021. 

5.Noiseless Niche: Nel 2021, non si può entrare in un Barnes & Noble senza incontrare un tavolo “Trending su #BookTok”. BookTok, la community di libri di TikTok, ha oltre 20 miliardi di visualizzazioni e ha contribuito all’aumento delle vendite nei negozi fisici. Solo l’hashtag #BookTok aveva oltre 24 miliardi di visualizzazioni al momento della stesura di questo trend.

Questo è un segno dell’importanza delle sottoculture e delle comunità.

I social media sono rumorosi e alcuni utenti si stanno allontanando per creare comunità di nicchia in cui possono comunicare con persone che la pensano allo stesso modo su interessi condivisi. Queste comunità danno agli utenti un senso di appartenenza. Gestire le conversazioni in tali comunità è anche più facile grazie all’attenzione sull’argomento, maggiore coinvolgimento, meno rumore e persino meno concorrenza. Il 2022 vedrà sicuramente gli utenti migrare verso comunità più piccole. 

6.Cunsumable content: Secondo un rapporto di App Annie, TikTok ha superato il tempo di visualizzazione medio di YouTube per gli utenti Android negli Stati Uniti. La notizia è particolarmente interessante in quanto TikTok consente una durata dei video di tre minuti, mentre YouTube consente video molto più lunghi. Quest’ultimo è anche indietro in termini di coinvolgimento, con BuzzSumo che mostra che il coinvolgimento video su YouTube è diminuito del 37% dal 2020. L’aumento fulmineo della popolarità di TikTok in un periodo di tempo così breve non è passato inosservato, con gli altri social network che hanno inventato i loro cloni snackable tra cui Instagram (e Facebook!) Reels, YouTube Shorts e Snapchat’s Spotlight. Gran parte del successo di TikTok può essere attribuito al suo contenuto in forma breve che è autentico, divertente e democratizza i social media per tutti.

7.Cross Generational Marketing: I più vecchi tra la Generazione Z ha 24 anni e sono visti come i trendsetter con un’influenza sufficiente per controllare il comportamento dei consumatori e creare cambiamenti culturali. I millennial più anziani hanno compiuto 40 anni quest’anno e hanno un buon potere di spesa. La generazione X guadagna molto più di qualsiasi altra generazione.

Infine, i baby boomer hanno avuto più tempo per accumulare ricchezza e hanno 2,6 trilioni di dollari di potere d’acquisto. Molte aziende sono state lente nel rendersi conto che concentrarsi solo sui millennial e sulla Generazione Z con il loro marketing digitale sta perdendo un pubblico chiave con molto potere d’acquisto (Gen X e baby boomer). Molte aziende sono state lente nel rendersi conto che concentrarsi solo sui millennial e sulla Generazione Z taglia fuori un pubblico chiave con molto potere d’acquisto (Gen X e baby boomer).

8.Social Support: L’irritabilità dei clienti è apparentemente ai massimi storici in questo momento, con WSJ che riporta che gli adulti fanno i capricci mentre cenano, volano e fanno shopping. Se c’è una cosa che bisogna sapere sui clienti arrabbiati è che parlano. E di solito sui social. I tempi stanno cambiando e non è più sufficiente elencare un’e-mail di assistenza clienti sui social media e chiamarla un giorno. I clienti si aspettano aiuto e risposte in un batter d’occhio e il tuo team di supporto deve rispondere altrettanto velocemente. Con i marchi che diventano completamente digitali nel 2020, è aumentata anche la necessità di fornire un servizio clienti tempestivo tramite i social media. In effetti, Forrester ha previsto che le interazioni del servizio clienti digitale aumenteranno del 40% nel 2021. L’utilizzo dei social media per fornire un servizio clienti tempestivo è già diventato un must. Nel 2022, i professionisti del marketing devono essere preparati a vedere questo espandersi oltre la risposta a domande di base all’utilizzo di chatbot, fornendo consigli personalizzati e altro ancora.

9.Audio Activity: L’audio dal vivo è diventato rapidamente un modo per intrattenere e informare i consumatori e per gli esperti di marketing di connettersi con quei consumatori nel 2021. Tutto è iniziato con l’app di social audio Clubhouse, che ha immediatamente portato alla comparsa di diversi cloni come nuove app o funzionalità aggiuntive nei social network esistenti. Secondo BuzzSumo, il coinvolgimento relativo ai contenuti della Clubhouse è diminuito nel 2021. Tuttavia, c’è un aumento del 76% per Clubhouse quando si confronta il coinvolgimento totale dei contenuti nel 2021 con il 2020. Il calo potrebbe, forse, essere attribuito all’app che esce dalla chiusura beta e l’attenzione iniziale che salta alla prossima grande cosa.

10.Improved Inclusivity: il titolo è auto esplicativo, ormai non si parla d’altro…

Trovate il report completo nel pdf in allegato

2022-Digital-Marketing-Trends-Falcon

✖
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Per conoscere in anteprima le novità del mondo del licensing e per rimanere aggiornato sulle iniziative internazionali di Licensing International iscriviti alla nostra newsletter.
Ho preso visione dell'Informativa sulla Privacy e dell'iscrizione alla newsletter