Edelman – Trust Barometer 2022

Qui di seguito l’interessante ricerca 2022 dedicata all’indice generale della fiducia in Italia riassunta in 10 highlights:

  1. La sfiducia è ora l’emozione primaria della società. Quasi 6 su 10 affermano che la loro tendenza principale è quella di diffidare di qualcosa finché non vedono le prove che è degno di fiducia. Un altro 64% afferma che si è arrivati al punto in cui le persone sono incapaci di avere dibattiti costruttivi e civili su questioni su cui non sono d’accordo. Quando la sfiducia è l’impostazione predefinita, ci manca la capacità di discutere o collaborare.
  2. Tra le istituzioni in esame, le imprese sono ancora considerate le più affidabili. Con il 61%, le imprese sono le istituzioni più affidabili, davanti alle ONG al 59%, al governo al 52% e ai media che lo sono solo al 50%. Il 77% degli intervistati, tuttavia, si fida de “Il mio datore di lavoro”, rendendo il rapporto tra datore di lavoro e dipendente incredibilmente importante.
  3. Governo e media alimentano un ciclo di sfiducia. Quasi un intervistato su due considera il governo e i media come forze di divisione nella società, rispettivamente il 48% e il 46%. Inoltre, i leader di governo e i giornalisti sono visti come i leader della società, oggi, meno affidabili, con meno della metà degli intervistati che si fidano di entrambi (leader di governo al 42% e giornalisti al 46%).
  4. Nessuna delle principali fonti di informazione è considerata affidabile, con la fiducia nei motori di ricerca al 59%, seguita dai media tradizionali al 57%, i media di proprietà al 43% e i social media solo al 37%.
  5. Le preoccupazioni per le fake news sono ai massimi storici. 76%.
  6. C’è un crollo della fiducia nelle democrazie. In molte delle democrazie prese in esame, meno della metà della popolazione si fida delle istituzioni, 46% in Germania, 45% in Spagna, 44% nel Regno Unito e 43% negli Stati Uniti. Inoltre, in nessun paese sviluppato, si crede che la propria famiglia starà meglio tra 5 anni.
  7. Aumentano le paure della società. L’85% è preoccupato per la perdita dei posti di lavoro e il 75% è preoccupato per il cambiamento climatico.
  8. Le imprese devono intensificare l’impegno sociale. Gli intervistati ritengono che le imprese non stiano facendo abbastanza per affrontare i problemi della società, inclusi i cambiamenti climatici (52%), la disuguaglianza economica (49%), la riqualificazione della forza lavoro (46%) e l’affidabilità delle informazioni (42%).
  9. La leadership sociale è ora una funzione fondamentale del business. Il 60% dei dipendenti desidera che il proprio CEO parli apertamente su questioni controverse a cui tengono e l’80% della popolazione in generale desidera che i CEO siano personalmente visibili quando discutono di politiche pubbliche con stakeholder esterni o del lavoro svolto dalla loro azienda a beneficio della società. In particolare, gli amministratori delegati dovrebbero dare forma alla conversazione e alla politica su lavoro ed economia (76%), disparità salariale (73%), tecnologia e automazione (74%) e riscaldamento globale e cambiamento climatico (68%).
  10. Il business deve guidare nel rompere il ciclo della sfiducia. Sul cambiamento climatico, il 52% afferma che le aziende non stanno facendo abbastanza. Il ruolo e le aspettative verso le imprese non sono mai stati così chiari e le imprese devono riconoscere che il loro ruolo sociale è destinato a rimanere.

Scarica qui l’intero report  Edelman Trust Barometer 2022

✖
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Per conoscere in anteprima le novità del mondo del licensing e per rimanere aggiornato sulle iniziative internazionali di Licensing International iscriviti alla nostra newsletter.
Ho preso visione dell'Informativa sulla Privacy e dell'iscrizione alla newsletter