Maurizio Distefano Licensing agente licensing per l’Italia di BING, serie di successo in UK

Acamar Films annuncia nuovi sviluppi per Bing, la serie per bambini in età prescolare di sua produzione, che finalmente sbarca anche in Italia.

Acamar Films ha infatti firmato due nuovi accordi: con il broadcaster Rai YoYo per la messa in onda della serie e con Maurizio Distefano Licensing per la gestione dei diritti di licensing.

L’agenzia Maurizio Distefano The evolution of Licensing (MDL) è stata incaricata di portare Bing sul mercato italiano delle licenze.  MDL ha alle sue spalle numerosi accordi di licenza di successo per le properties di intrattenimento, come Masha e Orso e altre.

La prima linea di prodotti a marchio Bing sarà lanciata a partire dall’inizio del 2019.

Maurizio Distefano, Presidente dell’agenzia, ha affermato: “Sono assolutamente felice di avere l’opportunità di lavorare con Bing in Italia. Le storie intelligenti e divertenti del piccolo Bing e il modo in cui vive il mondo intorno a lui hanno chiaramente fatto centro sui giovanissimi spettatori e sui loro genitori e hanno dato a Bing una forte presenza sui punti vendita in diversi mercati europei. Sono sicuro che anche il pubblico italiano adorerà Bing, i suoi amici e le sue avventure e che il suo successo di licensing in così tanti territori si ripeterà anche nel mercato italiano.”

L’agenzia MDL ha inoltre contribuito all’apertura della pagina Facebook ufficiale italiana di Bing (https://www.facebook.com/BingBunnyItalia/), che, attiva da meno di due settimane, ha già raggiunto considerevoli interazioni.

Il nuovo accordo con Rai ha lanciato Bing sugli schermi italiani per la prima volta il 18 febbraio e, a partire dallo scorso 1 giugno, nuovi episodi sono stati aggiunti alla programmazione, per un totale di 11 puntate di Bing in onda ogni giorno della settimana.  Rai ha acquisito i diritti per la messa in onda di tre stagioni (78 episodi). 

Nato dall’adattamento degli appassionanti libri di Ted Dewan, Bing celebra la caotica, gioiosa e disordinata realtà dei bambini di tre anni. Proprio quando Bing pensa di aver capito come va la vita, la situazione cambia ed immediatamente ‘lo butta giù’. Ma va bene lo stesso, va sempre bene. Come dice il compagno Flop, prendendosi cura di Bing: “Non preoccuparti di Bing, non è una cosa grave!”.

Le storie di Bing sono semplici ma piene di drammaticità: rappresentano infatti i micro-drammi quotidiani in cui tutti i bambini e gli adulti si potranno riconoscere, sia che si tratti di far cadere un gelato sia di perdere il giocattolo preferito.