Miracle Tunes: al via i casting per la nuova live action prodotta da Showlab

Sono iniziati in Italia i casting per Miracle Tunes, il format live action che sarà la prossima importante produzione di Showlab in coproduzione con un importante broadcaster internazionale.

Nel primo week end sono state circa 150 le ragazzine che hanno provato a conquistare la giuria e il regista nel primo casting a numero chiuso, dedicato interamente al reclutamento delle tre protagoniste. La ricerca continuerà finché non verranno trovate le ragazze capaci di interpretare perfettamente lo spirito delle Miracle Tunes.

In questa occasione Licensing Italia ha intervistato Guido Berté, General Manager Showlab  Consumer Products Prodea Group S.p.A.

L.I. Ci può dare qualche informazione sulla live action: regia, produzione ? Quando sarà trasmessa in Italia e su quale broadcaster?

G.B. La serie originale è una produzione giapponese di Dentzu, Takara Tomy e OLM. Showlab ha acquistato il format per l’Europa, il Middle East, il Messico e il Sud America e lo riprodurrà totalmente con un importante partner internazionale, che permetterà la messa in onda per il Back to School 2018 in contemporanea in Italia ed in Spagna, sulle più importanti reti televisive locali nel target di riferimento. Il direttore artistico che segue interamente tutto il progetto è Roberto Cenci, conosciuto al pubblico per programmi come: “Io canto”, “Ti lascio una canzone”, “Chi ha incastrato Peter Pan” e molti altri di grande successo.

L.I. A quale target si rivolge?

G.B. Miracle Tunes è una live action rivolta ad un target femminile dai 4 ai 12 anni. La prima stagione è di 51 episodi da 30 minuti in cui le Miracle–Miracle si trasformano in Miracle-Tunes per combattere il male grazie al loro talento nel ballo e nel canto.

L.I. Ci può raccontare in sintesi la trama?

G.B. La storia oltre ad essere avvincente e coinvolgente è anche molto semplice: il Mondo della Musica è sotto il dominio del Signore dei Demoni e rischia di essere distrutto definitivamente in tutto l’universo. Il grande tesoro, il Gioiello del Suono, viene rubato dal Signore dei Demoni, che vi ha iniettato l’Energia Negativa, tramutandolo nel Gioiello della Negatività e scatenandolo in tutto il mondo. Chiunque ne venga in contatto, viene trasformato in un individuo malvagio. Per salvare il Mondo della Musica, le Fatine del Ritmo appaiono alle Miracle-Miracle, tre giovani idoli della musica che hanno appena superato con successo un’audizione. Grazie all’aiuto delle Fatine del Ritmo, le Miracle-Miracle diventano le eroine-guerriere Miracle Tunes, che combattono con il potere della musica per purificare il Gioiello della Negatività e riportarlo all’originale “Gioiello del Suono”.

L.I. Qual è il messaggio centrale della serie?

 G.B. Il messaggio principale che la serie vuole trasmettere giungerà alle bambine in modo forte e chiaro: “Il tuo talento può cambiarti la vita oppure puoi cambiare il mondo utilizzando il tuo talento”.

L.I. È la vostra prima serie live action: ha determinato un diverso approccio di marketing? e se sì, quale?

G.B. Gli obiettivi stabiliti per questa serie sono altissimi e tutto è stato studiato perché diventi il prossimo grande successo live action. Per Showlab è infatti il progetto di punta del 2018 insieme alla produzione della seconda serie del cartone animato YoYo.

L.I. Come avete impostato lo sviluppo del programma licensing? Avete già siglato accordi di licenza?

G.B. Il licensing verrà da sé, i giocattoli ed altri oggetti di utilizzo quotidiano sono appositamente inseriti nella serie e sono identici a quelli che poi il target di riferimento troverà sul mercato. A tal proposito è stato già definito un contratto di Master Toy con Giochi Preziosi unitamente a tutte le abituali categorie del gruppo. Sono inoltre in fase di avanzata negoziazione contratti per altre categorie, come il Food e il Publishing.

L.I. A Suo avviso la property per quali categorie di prodotto possiede il maggior potenziale licensing?

G.B. Sicuramente tutte le categorie inerenti al Toys e i costumi di carnevale. Siamo comunque certi che, grazie ad alcuni accorgimenti durante la realizzazione della serie, anche i prodotti di altre categorie, ad esempio l’Abbigliamento, le Scarpe, gli Accessori, saranno di sicuro successo.

L.I. Secondo Lei, quali sono i punti di forza di questa property per i licenziatari italiani?

G.B. I punti di forza di questa serie sono diversi: in primo luogo il target d’età, al quale nessuna live action si è mai rivolta in modo così mirato. Il pubblico infatti potrà identificarsi nelle protagoniste visto che le Miracle – Miracle prima di trasformarsi in Miracle Tunes, vivono una vita normale, come quella di qualsiasi bambina. I canali di distribuzione televisiva, i più forti nel target di riferimento sia in Spagna sia in Italia, daranno ulteriore forza alla serie. Sul web, già molti mesi prima della messa in onda, verrà creata una forte awareness tra il pubblico, grazie a video dedicati ai casting e non solo. Inoltre, le protagoniste della serie saranno testimonial di eventi dal vivo, che verranno realizzati successivamente alla produzione e alla messa in onda della serie. In ultima analisi, la vera forza risiede nell’utilizzo dei giocattoli nella serie identici a quelli che si troveranno sul mercato in contemporanea con la messa in onda, insieme a sensazionali effetti 3D inseriti all’interno di ogni episodio.

 

✖
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Per conoscere in anteprima le novità del mondo del licensing e per rimanere aggiornato sulle iniziative internazionali di Licensing International iscriviti alla nostra newsletter.
Ho preso visione dell'Informativa sulla Privacy e dell'iscrizione alla newsletter